Ascolta i podcast di Radio Tarlo

domenica 28 agosto 2016

Diritto alla satira

Indifferentemente che si tratti di scandali, di tragedie, di gossip o di politica locale, spesso la satira viene messa sotto accusa. 
"Non si doveva disegnare quello, non si doveva commentare l'altro, non si può deridere quel politico": queste sono alcune frasi che spesso si sentono a corredo di vignette che, senza dubbio possono essere considerate di cattivo gusto o non piacere affatto, ma che da sempre commentano la vita del mondo. Negli ultimi anni le polemiche contro chi ha fatto della satira il proprio lavoro, sono aumentate a dismisura e qualcuno vorrebbe imporre un codice di autoregolamentazione (che più che codice di autoregolamentazione io chiamerei censura). Vauro, Natangelo, Forattini, Giannelli, Mannelli... tutti grandi della satira ultimamente sono stati aspramente criticati e, un po' me ne dolgo.
Stiamo diventando più intransigenti di chi chiamiamo "integralista" e questo, a mio avviso, è un pericolo. A volte le vignette sono di cattivo gusto? Pazienza: non arriveranno mai a raggiungere la "qualità" di certi servizi giornalistici visti nelle ultime settimane. Io come sempre sto dalla parte delle libertà di espressione, una libertà che, purtroppo, stiamo perdendo sempre più ogni giorno. 


© 2016 TESTO E DISEGNI DI DANIELE "TARLO" TARLAZZI






Nessun commento: